Dott. Caglieri Simone

Consulente aziendale, esperto in controllo di gestione

Rassegna stampa

Rassegna stampa

DAL DECRETO RISTORI UN AIUTO AI SOVRAINDEBITATI

Pubblicato il 15 gennaio 2021 alle 10.05

Mentre da Bruxelles si ragiona su una direttiva che rende più semplice la cessione dei crediti alle società di riscossione, in Italia invece la strada scelta dal Parlamento è quella di anticipare le norme principali del nuovo "Codice della crisi di impresa", che entrerà in vigore l'1 settembre. Si tratta di norme che vengono incontro alle famiglie e alle imprese cariche di debiti a tal punto da non essere più in grado di ripagarli. Non solt...

Leggi tutto il post »

RILIEVO DEL FIUDEIUSSORE INSUFFICIENTE PER IL FALLIMENTO DEL DEBITORE PRINCIPALE

Pubblicato il 12 novembre 2020 alle 13.40

Secondo Cass. 11.11.2020 n. 25317, il fideiussore escusso dal creditore garantito, il quale non abbia provveduto al pagamento del debito, non è legittimato, ai sensi dell’art. 6 del RD 267/42 a proporre l’istanza di fallimento contro il debitore principale per il solo fatto di averlo convenuto in giudizio con l’azione di rilievo di cui all’art. 1953 c.c.

Tale azione, infatti, non lo munisce di un...

Leggi tutto il post »

PRESCRIZIONE LUNGA PER L'AZIONE DI RESPONSABILITA' DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Pubblicato il 26 ottobre 2020 alle 13.40

L’azione di responsabilità promossa contro il curatore fallimentare che sia stato revocato, a norma dell’art. 38 del RD 267/42, ha natura contrattuale, in considerazione del tipo di rapporto (equiparabile al mandato) e del suo ricollegarsi alla violazione degli obblighi posti dalla legge a carico dell’organo concorsuale, con la conseguenza che essa è soggetta all’ordinario termine di prescrizione decennale, che decorre dal giorno della sostituz...

Leggi tutto il post »

SOSTITUZIONE DEL CURATORE PROMUOVIBILE DAI CREDITORI

Pubblicato il 15 ottobre 2020 alle 14.45

I creditori possono chiedere la sostituzione del curatore, indicando al tribunale le ragioni della richiesta e possono proporre un nuovo nominativo (art. 37-bis del RD 267/42). Il tribunale valuta le motivazioni e se ritiene equo sostituire il curatore non ha discrezionalità nella scelta, dovendo necessariamente conferire l’incarico al soggetto indicato dalla maggioranza dei creditori. La facoltà di sostituzione su impulso dei creditori è previ...

Leggi tutto il post »

SCISSIONE E CESSIONE RAMO D'AZIENDA POSSONO INTEGRARE LA BANCAROTTA

Pubblicato il 08 ottobre 2020 alle 13.45

La Corte di Cassazione (sentenza 7.10.2020 n. 27930) ha annullato con rinvio l’assoluzione per bancarotta fraudolenta societaria commessa attraverso operazioni societarie di scissione e di cessione di ramo d’azienda (art. 223 co. 2 n. 2 del RD 267/42).

I giudici di legittimità ritengono necessaria, per affermare od escludere la sussistenza del reato, una verifica “in concreto” che tenga conto del...

Leggi tutto il post »

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEL FALLIMENTO

Pubblicato il 07 ottobre 2020 alle 14.15

Il curatore che cessa dal suo ufficio, anche durante il fallimento (revoca o sostituzione), deve rendere conto della gestione a norma dell’articolo 116 L.F.. Tale rendiconto deve essere redatto, alternativamente, in tre momenti:

1) Dopo l’ultimazione delle operazioni di liquidazione e prima del riparto finale;

2) Prima del decreto di chiusura.

Leggi tutto il post »

RICORSO STRAORDINARIO PER CASSAZIONE INCERTO NEL SOVRAINDEBITAMENTO

Pubblicato il 05 ottobre 2020 alle 18.35

La giurisprudenza prevalente esclude il ricorso di cui all’art. 111 co. 7 Cost. contro i provvedimenti in materia di sovraindebitamento, in quanto privi di decisorietà e definitività.

Cass. 17390/2020 ha escluso il ricorso straordinario in Cassazione contro il decreto reiettivo del reclamo avverso il rigetto della domanda di apertura della liquidazione del patrimonio.

...

Leggi tutto il post »

L'ESERCIZIO PROVVISORIO DELL'IMPRESA FALLITA

Pubblicato il 22 settembre 2020 alle 14.25

Al curatore viene richiesto di valutare preliminarmente se il complesso aziendale, o parte di esso, possa essere utilmente mantenuto in attività dalla stessa curatela ovvero da un imprenditore terzo, in via provvisoria, ai fini della conservazione dell’attività di impresa ed assicurare maggiori opportunità di vendita dell’azienda – o di sue parti – in funzionamento, evitando la dispersione dei valori rappresentati principalmen...

Leggi tutto il post »

IL BLOCCO DELLE PROCEDURE ESECUTIVE NEL SOVRAINDEBITAMENTO

Pubblicato il 07 settembre 2020 alle 14.35

Attraverso la disciplina ex Legge 3/2012 del sovraindebitamento, è possibile intervenire anche quando è in corso l’azione esecutiva da parte del creditore poiché la Legge 3/2012 art. 10, comma 2, sub c) recita << sino al momento in cui il provvedimento di omologazione diventa definitivo, non possono, sotto pena di nullità, essere iniziate o proseguite azioni esecutive individuali >>.

Il ...

Leggi tutto il post »

AMMISSIONE AL PASSIVO CONCORSUALE DEL LAVORATORE ANCHE PER I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

Pubblicato il 03 settembre 2020 alle 13.45

L’insinuazione al passivo fallimentare del credito del lavoratore per ritenute previdenziali è un tema controverso.

Si potrebbe ritenere che l’ammissione avvenga al netto delle ritenute, sul presupposto che l’obbligo di versamento del datore di lavoro sorge al termine del periodo di paga ed a prescindere dall’erogazione della retribuzione. Per le ritenute previdenziali si applica, infatti, un pri...

Leggi tutto il post »