Dott. Caglieri Simone

Consulente aziendale, esperto in controllo di gestione

Rassegna stampa

Rassegna stampa

SPECIALE CREDITO IMPOSTA LOCAZIONI

Posted on 5 June, 2020 at 15:30

Il Legislatore ha introdotto un nuovo credito d'imposta al 60% sui canoni di locazione tramite il D.L. Rilancio che si differenzia dal medesimo credito d'imposta previsto dal D.L. Cura Italia nei seguenti elementi:

 

  • Il D.L. Rilancio prevede un ambito soggettivo di applicazione del credito d'imposta riservato ai soggetti esercenti attività d’impresa, arti o professioni con ricavi e compensi inferiori a 5 milioni di euro che hanno subito una contrazione del fatturato;
  • Estensione dell’ambito oggettivo di applicazione, poiché il credito d'imposta si applica alle locazioni su tutti gli immobili ad uso non abitativo destinati all’esercizio di un’attività, mentre il D.L. Cura Italia prevedeva l'agevolazione esclusivamente per gli immobili accatastati in categoria C/1;
  • Il periodo temporale di applicazione dell'agevolazione è più esteso (marzo, aprile e maggio 2020);
  • Il credito d'imposta si applica anche ai contratti a prestazioni complesse e affitti d’azienda;
  • Ai soggetti locatari esercenti attività economica, il credito d'imposta spetta a condizione che abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento di almeno il cinquanta per cento rispetto allo stesso mese del periodo d'imposta precedente.

 

Con la circolare n. 11/E del 06/05/2020, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulle seguenti casistiche particolari:

1) E' stato precisato che il credito viene calcolato anche sulle spese condominiali addebitate al conduttore, a condizione che queste siano pattuite come voce unitaria con il canone di locazione e che tale circostanza risulti dal contratto;

2) Con riferimento alle pertinenze del negozio, se il contratto di locazione prevede un canone unitario sia per il negozio (C/01), sia per la pertinenza (C/03), il beneficio viene concesso con riferimento ad entrambi gli immobili. Viene in ogni caso richiesto che gli immobili siano fattivamente utilizzati per lo svolgimento dell’attività.

Si ricorda che la percentuale del credito d'imposta sulle locazioni è pari al:

➔ al 60% dell'ammontare mensile dei canoni di locazione, leasing o di concessione dei suddetti immobili ad uso non abitativo ovvero;

➔ al 30% in caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d'azienda comprensivi di almeno un immobile ad uso non abitativo.

Il credito d'imposta è calcolato sulla base di quanto pagato con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio e per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale con riferimento a ciascuno dei mesi di aprile, maggio e giugno.

Il credito spetta anche agli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in relazione al canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell'attivita' istituzionale.


Dott. Caglieri Simone



Categories: Tutte le notizie, Area fiscale


Comments are disabled.