Dott. Caglieri Simone

Consulente aziendale, esperto in controllo di gestione e crisi d'impresa

Rassegna stampa

Rassegna stampa

IL PREAVVISO PER IL RECESSO DAL RAPPORTO DI LAVORO E' LIBERAMENTE RINUNCIABILE

Pubblicato il 14 ottobre 2021 alle 13.40

La Cass. 13.10.2021 n. 27934 ha confermato il proprio orientamento in materia di preavviso nel recesso dal rapporto di lavoro, ribadendo che lo stesso ha efficacia obbligatoria.

Ne deriva che, in caso di recesso con effetto immediato, il rapporto si risolve immediatamente, con l’unico obbligo del recedente di corrispondere l’indennità sostitutiva; la parte non recedente può invece rinunciare al periodo di preavviso, con immediata cessazione del rapporto e senza nulla dover corrispondere all’altra parte.

Il caso trattato riguardava un lavoratore che aveva ottenuto un decreto ingiuntivo per il pagamento di una somma di denaro a titolo di indennità sostitutiva del preavviso e conseguenti integrazioni sul rateo della tredicesima mensilità e del trattamento di fine rapporto. Il dipendente aveva dato le dimissioni, con rinuncia da parte della società al periodo di preavviso. Per la Corte di Appello il datore di lavoro era comunque tenuto a corrispondere al lavoratore l’indennità sostitutiva del preavviso.

Per i giudici di legittimità, invece, la parte non recedente può disporre liberamente del proprio diritto di credito con rinuncia al preavviso, senza che la parte recedente possa vantare alcun diritto alla prosecuzione del rapporto sino al termine del periodo di preavviso.


FONTE: EUTEKNE



Categorie: Tutte le notizie, Consulenza del lavoro


Commenti disabilitati.