Dott. Caglieri Simone

Consulente aziendale, esperto in controllo di gestione e crisi d'impresa

Rassegna stampa

Rassegna stampa

BONOMI: SUD, ABBIAMO L'OCCASIONE STORICA DI RIDURRE I DIVARI STORICI

Pubblicato il 23 novembre 2021 alle 09.05

«Abbiamo una grande occasione storica per rispondere ai divari, ai quali da 160 anni, dall’Unità d’Italia, questo Paese non sta dando risposta. Sono divari di genere, generazionali, di territorio e di competenze», lo ha detto il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, partecipando a Potenza a un convegno sul tema «Motore Mezzogiorno, Ripartenza Italia». «Questa – ha aggiunto - è la grande sfida che abbiamo di fronte: se falliremo sarà un grande fallimento per tutto il Paese».

Obiettivo Basilicata

«Viviamo nel tempo delle eccezionalità», ha detto il presidente di Confindustria Basilicata, Francesco Somma – Oggi abbiamo anche l’eccezionale opportunità di costruire un Paese più verde, più innovativo e più coeso». Ma per riuscire, per Somma, è necessario partire proprio dai deficit, dai divari, dai limiti. «La ripresa che è in atto – ha detto ancora Somma –è trainata dal Nord mentre i ritardi del Sud restano evidenti e pesano».

Somma: presto sostegni all’auto

Somma ha posto l’accento in primo luogo sulle difficile sfida che sta affrontando il settore dell’auto. «Un settore importante per la Basilicata – ha detto – con 7mila posti di lavoro solo nell’indotto. La posta in gioco è alta. Servono, per governare la transizione, ammortizzatori sociali, formazione, taglio del cuneo fiscale». Somma ha fatto anche riferimento alla conversione del settore oil & gas chiedendo procedure più celeri per ammodernare gli impianti. E autorizzazioni per nuovi impianti di produzione di energia alternativa.

Infrastrutture una priorità

Quello delle infrastrutture è sempre un tema caldo in Basilicata. «Serve un cambio di passo sulla messa in sicurezza del territorio – ha aggiunto il presidente degli industriali lucani –e la regione resta isolata. Ancora oggi queste diseconomie esterne costituiscono una zavorra in grado di vanificare ogni sforzo in termini di riequilibrio socioeconomico e di recupero di competitività delle imprese e dei territori. La Basilicata ha bisogno di recuperare efficienza nei collegamenti stradali, in maniera funzionale alla connettività con la rete TEN-T e ai sistemi logistici ad essa asserviti. Tra le tante opere in tal senso necessarie su tutte, per importanza strategica ed utilità vi è il Corridoio Stradale “Salerno-Potenza Bari”. Si tratta, infatti, di una infrastruttura viaria di enorme interesse per il Mezzogiorno per connettere trasversalmente il territorio campano, lucano e pugliese».

Carfagna: «Non più un Sud periferia d’Europa»

«Non più un Sud da risarcire attraverso bonus e sussidi, ma un Sud punta avanzata del Mediterraneo e protagonista delle sfide globali», questa la visione che ispira il Governo in carica, ha detto la ministra per il Sud, Mara Carfagna, intervenendo in video collegamento. «Abbiamo destinato al Sud il 40% delle risorse del Pnnr – ha precisato – ora la sfida è spendere queste risorse, spenderle bene e farlo nei tempi previsti dei prossimi cinque anni. C’è quindi bisogno dell’assunzione di responsabilità da parte di tutte le classe dirigenti».

Giovannini: «Al Sud il 56% delle risorse per infrastrutture»

«Nelle riunioni bilaterali che – aggiunge poi il ministro Massimo Giovannini – sto avendo con ciascun presidente di Regione, per programmare anticipi di 4 miliardi del Fondo di sviluppo e coesione, stiamo trovando priorità comuni che devono essere coerenti con il Pnrr e coi fondi nazionali». Per il Ministro, «la rapidità della programmazione è fondamentale perché il nuovo approccio dell’Unione europea è che prima fai la progettazione e poi ricevi il finanziamento. E – conclude – noto un cambio di mentalità delle Regioni».


FONTE: IL SOLE 24 ORE



Categorie: Tutte le notizie, Economia e imprese


Commenti disabilitati.