Rassegna stampa e blog

Rassegna stampa

LA CESSAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI HA EFFETTO DALLA NUOVA ACCETTAZIONE

Pubblicato il 21 settembre 2022 alle 13.10

Il Tribunale di Foggia (sentenza del 15.9.2022), ha stabilito che il nostro ordinamento con contempla l’istituto della “conferma” dell’amministratore di società di capitali con la conseguenza che, in caso di sua rielezione nella carica appena scaduta, non si verificherebbe la conferma dell’incarico bensì la scadenza dalla carica e la contestuale (ri)nomina ad amministratore.

A sostegno di tali conclusioni si pongono argomenti sistematici e logico-giuridici. Quanto al primo profilo, si osserva come l’art. 2385 co. 1 c.c. àncori espressamente la ricostituzione del CdA alla “accettazione dell’incarico da parte dei nuovi amministratori”, anziché alla mera nomina dei medesimi.

Dal punto di vista logico-giuridico, inoltre, si osserva come, ai fini dell’effettiva costituzione del rapporto di amministrazione di una società di capitali non sia sufficiente l’adozione dell’atto unilaterale di nomina da parte dell’assemblea, essendo altresì necessario che il nominato accetti l’incarico. 


FONTE: EUTEKNE



Categorie: Tutte le notizie, Diritto societario e privato


Commenti disabilitati.